Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
1.1. MITI E MISTERI - Gaetano
1.2. Raccontarsi per simboli
1.3. Non so se mi piego
1.4. Chi siamo?
1.5. I miei ospiti
1.7. wwNw
2.1. MITOLOGIA AL FEMMINILE - Angela
2.2. Parla con le Dee
2.3. Oracolo delle Dee
2.4. Workshop: Integra le Dee nella tua vita
Bibliografia
Il SurjaForum



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti piů originali ed interessanti.
8. Anima e animus

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
Anima è termine derivato dal greco άνεμος “anemos”, che vuol dire vento. Questa parola, nel corso dei secoli, ha acquisito, nella cultura occidentale, le stesse connotazioni del termine greco ψυχή â€œpsychè” (respiro alito, fiato, come principio vitale) per cui ad anima si attribuiscono le stesse funzioni della psiche.

L’orfismo, prima e la dottrina platonica, poi, raffigureranno l’anima come un’entitĂ  separata dal corpo σόμα (sòma). Questa separazione διάβολος (diĂ -bolos) è ignorata nei poemi omerici, dove sòma è usato nel significato di corpo morto, privo di psychè, di anima; e dove, invece, il corpo vivente viene designato con il termine σχηνή â€œschenè”, che vuol dire tenda, involucro, tabernaco-lo, in una, luogo che accoglie in sè psychè, fondendosi con essa.

Allo stesso modo, il dualismo corpo-anima è sconosciuto al mondo ebraico, che adopera il termine “nefès” per significare vita. Così, quando i testi biblici verranno tradotti in greco, i termini ebraici saranno caricati dei significati sviluppatisi nel pensiero greco. Inoltre la cultura cristiana, confermerà la scissione platonica di anima e corpo, che attraverso i dottori della Chiesa, la tradizione esegetica, ma anche le rappresentazioni popolari solidamente legate al mondo greco, giungerà fino a noi.

In psicologia, la parola Anima, viene per la prima volta adoperata, in modo costante ed esteso da Carl Gustav Jung. Egli usa il termine Anima in una duplice accezione. In senso generale Anima viene intesa come interiorità dell’uomo, contrapposta alla sua esteriorità, alla quale Jung dà il nome di Persona, maschera, fedele all’uso latino del termine.

L’Anima è un archetipo, una pura forma, una “facultas praeformandi”, che può virtualmente caricarsi di qualunque contenuto. In quanto tale, in quanto archetipo, cioè, non è conoscibile direttamente. Essendo una pura forma, e non cadendo, quindi, sotto il dominio delle percezioni sensoriali, l’Anima, come ogni archetipo, può essere conosciuta solo attraverso le sue rappresentazioni, e cioè le sue mediazioni simboliche.

Scrive Jung: “Per Psiche io intendo la totalità dei processi psichici, tanto coscienti quanto inconsci. Per Anima, invece, intendo un determinato e circoscritto complesso di funzioni che meglio di tutto si potrebbe caratterizzare come ‘personalità’”
( C.G. Jung: “Tipi psicologici”, opere Vol. VI, Boringhieri, 1969, pag. 416).

All’Anima, si diceva non si accede direttamente, essa è, ci sia lecita le metafora, un impervio sentiero gettato tra l’inconscio e l’io cosciente, dove il pellegrino errante, che ha intrapreso il cammino per conoscere se stesso, seguendo l’antico insegnamento delfico del γνότι σεαυτόν (gnoti seautòn), potrĂ  trovarsi al cospetto della Pizia, che parla oracolando. In altri termini, dovrĂ  disporsi ad ascoltare anche agli oscuri oracoli evocati dal piĂš profondo di se stesso, e cioè quella parte di sĂŠ che facciamo fatica a riconoscere come nostra.

Il cammino non è facile e, per molti aspetti, conoscere se stessi è doloroso.

Tuttavia sapere che l’incontro con la propria interiorità non può che esserci di aiuto, non può che farci del bene, forse può renderlo più agevole.

Così Platone: “Tu dunque fammi un favore e non rifiutarti di guarire la mia anima, perchè mi procureresti un bene molto maggiore liberandomi l’anima dall’ignoranza che il corpo dalla malattia”
(Platone: “Ippia minore”, 372 e 373 a).

Jung usa il termine Anima anche in un’altra accezione; essa forma un mythologhema, cioè un’unità mitologica non ulteriormente scomponibile, con l’altro termine Animus.

Anima è il femminile che ogni uomo porta dentro di sÊ, cosÏ come Animus è il maschile che vi è in ogni donna.
“Tale bisessualità psicologica corrisponde al dato di fatto biologico, che sono il maggior numero di geni maschili (o femminili) a determinare il sesso maschile (o femminile). Il numero minore dei geni dell’altro sesso sembra formare un carattere del sesso opposto, che però, per la sua minore potenza resta solitamente inconscio”
(C.G. Jung: “Ricordi sogni riflessioni”, B.U.R. p. 466).

Nascosta, dunque, alla nostra coscienza, la parte femminile (o maschile) di noi instaura una complementarità tra conscio ed inconscio che è uno dei punti di maggior rilievo della psicologia di Jung.

Al riguardo egli dice: “Io designo con il termine Persona l’atteggiamento verso l’esterno, il carattere esteriore; con il termine Anima l’atteggiamento verso l’interno ... Se la Persona è intellettuale, l’Anima è certamente sentimentale. Ma la complementarità dell’Anima riguarda anche il carattere del sesso... Una donna molto femminile ha un’Anima maschile, un uomo molto virile ha un’Anima femminile”
(C.G. Jung: “Tipi psicologici”, opere Vol. VI, Boringhieri, 1969, pp. 419-420).

Jung riconosce quattro funzioni all’intelletto: il pensiero, la sensazione, il sentimento e l’intuizione. In ognuno c’è una funzione principale che prevale, ma le altre, per così dire gregarie, sono ugualmente presenti in noi e proprio in virtù della complementarità. Il tipo intuizione, ad esempio, può avere come funzione gregaria il risentimento.
Le funzioni psichiche hanno una duplice modalità: l’estroversione, caratterizzata dal volgersi della libido verso l’esterno, o l’introversione, in cui la libido è volta verso l’interno. Ne segue che il tipo introverso potrà avere, ad esempio, come funzione principale il pensiero e come funzione secondaria la sensazione. Oppure si potrà avere il tipo estroverso con funzione principale sentimento e con funzione secondaria intuizione.
In breve, in ognuno di noi vi è la possibilità di compensare il maschile con il femminile, l’estroversione con l’introversione, il pensiero con il sentimento, e questa complementarità, i cui fondamenti abbiamo visto essere scritti nelle leggi genetiche, fanno dell’essere umano una realtà che non è mai de-finitamente luce o
ombra, buono o cattivo, bello o brutto, maschio o femmina.
Š G.dell'Isola - 2002 - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare i testi senza autorizzazione.



Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui
SurjaRing
5.423 iscritti alle NewsLetter,
1.800 pagine pubblicate, visitate volte
17 utenti online
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.